Sport, 30 giugno 2018

VIDEO - Ginevra: dopo la rissa in campo, arrestati quattro kosovari

La bagarre, che si era accesa al termine della partita del campionato di IV Lega tra FC Kosova e Versoix, oltre ad aver comportato danni fisici e sentenza sportiva, è sfociata in conseguenze legali

GINEVRA – Dopo il procedimento sportivo, iniziato immediatamente  dopo i fatti, ecco che anche la macchina legale si è messa in azione: la rissa che si era scatenata lo scorso 10 giugno al termine del campionato di IV Lega, tra FC Kosova e Versoix, era troppo grave per potere chiudere un occhio e valutarla soltanto dal lato sportivo.

Ricordiamo che, infatti, al termine del match alcuni sostenitori del club di lingua albanese avevano invaso il campo, pestando letteralmente i giocatori del Versoix: uno di questi ha riportato la rottura dell’osso orbitale, mentre altri cinque aveva subìto la frattura di alcune costole e uno addirittura la perforazione di un polmone.

Il giorno successivo ai fatti, di conseguenza, il procuratore generale, Olivier Jornot, si era messo all’opera per far chiarezza sull’accaduto: la polizia ha così potuto condurre le indagine che hanno portato al fermo di quattro giocatori dell’FC Kosova. Dopo l’interrogatorio avvenuto venerdì sono stati arrestati e messi a disposizione del Ministero pubblico che li ascolterà per decidere in merito al loro rilascio o meno.

Per quanto riguarda il processo sportivo, l’Associazione cantonale ginevrina di calcio ha sospeso a tempo indeterminato quattro giocatori del Kosova. La seconda squadra è stata esclusa da tutti i campionati per le prossime due stagioni. Un giocatore del Versoix è stato squalificato per un anno.

Guarda anche 

Nuovo presidente per il Milan, è Paolo Scaroni

Il Milan ha un nuovo presidente. Paolo Scaroni succede al cinese Yonghong Li con quest’ultimo destituito dal nuovo azionista di maggioranza del club,...
21.07.2018
Sport

Xhaka rifà l'aquila bicefala mentre è in vacanza

Granit Xhaka non ha decisamente paura della provocazione. Appena qualche settimana dopo aver mimato l'aquila bicefala simbolo dell'Albania suo paese d'origine...
19.07.2018
Sport

Cala il sipario sul Mondiale delle sorprese, delle delusioni e delle discussioni

MOSCA (Russia) – Di calcio di ottima fattura se n’è visto forse poco, a immagine della Francia che raramente ha entusiasmato dal punto di vista estetic...
16.07.2018
Sport

VIDEO - “Siamo nati e cresciuti a Lugano, ma il cuore è tutto croato”

MOSCA (Russia) – Se n’è parlato molto e, probabilmente, se ne continuerà a parlare sempre. La questione dei passaporti, la questione dei tanti s...
15.07.2018
Sport