Mondo, 23 luglio 2018

L'ex consigliere di Trump all'assalto dell'UE, si prepara una "superdestra" per le elezioni europee

Steve Bannon è stato il manager della vittoria campagna presidenziale di Donald Trump e in seguito, per un periodo, consigliere strategico del neopresidente americano prima di lasciare nell'agosto 2017 la Casa Bianca. Da allora viaggia senza sosta tra Stati Uniti per coordinare e consigliare esponenti di quella nuova destra populista sorta negli Stati Uniti con Donald Trump e incarnata in Europa da figure quali Nigel Farage, Marine Le Pen, Viktor Orban, Sebastian Kurz e Matteo Salvini, per citarne alcuni. Ritenuto per un certo tempo, e probabilmente esageratamente, dalla sinistra americana l'ideologo e « deus ex machina » di Donald Trump (si è unito all'allora candidato presidenziale in campagna elettorale inoltrata, quando il personaggio politico Trump era già ben definito) Bannon intende adesso fondare un movimento che coordini meglio le destre in ascesa in Europa.


È quanto riporta il sito americano Daily Beast in un lungo articolo in cui, citando direttamente Bannon, spiega che l'ex stratega di Donald Trump sta per lanciare una fondazione in Europa per rafforzare le destre europee. Si chiamerà Il Movimento (The Movement, il nome in inglese), e, secondo il sito Bannon spera che "diventi la guida di una rivolta populista di destra in tutto il continente a partire dalle elezioni del Parlamento europeo la prossima primavera".

 
The Movement, spiega Bannon, diventerà per i partiti populisti e di estrema destra una "fonte centrale di sondaggi e per indirizzare la comunicazione, individuare soggetti che siano in grado di elaborare la strategia politica raccogliendo i malumori di destra che si stanno diffondendo in tutta Europa, in molti casi senza strutture politiche professionali o budget significativi". Bannon vuole organizzare quindi questi "malumori di destra" e renderli strutturati.


Un'altra ambizione dell'ex consigliere del presidente Usa è che la sua organizzazione si opponga all'impatto della Open Society di George Soros, che dal 1984 finanzia battaglie culturali e civili. Insomma, i due americani hanno deciso di darsi battaglia sul terreno della politica europea. 

 
I rapporti di Bannon con le destre europee

L'anno scorso Bannon ha tenuto colloqui con gruppi di destra in tutto il continente da Nigel Farage e membri del Front National di Marine Le Pen (recentemente ribattezzato Rassemblement National) in Occidente, all'Ungherese Viktor Orban e ai populisti polacchi in Oriente, fino a Matteo Salvini, leader della Lega, che Bannon dice di aver spinto all'alleanzacon i 5 Stelle dopo ore di colloqui.   Secondo quanto Bannon ha riferito al Daily Beast, quello che immagina è un "supergruppo" di destra all'interno del Parlamento europeo che potrebbe attrarre fino a un terzo dei parlamentari eletti alle elezioni europee del prossimo maggio.

 
L'obiettivo del blocco populista

Un blocco populista, spiega il quotidiano, che se coeso e forte potrebbe garantire a Bannon un enorme potere all'interno del movimento stesso, perché ne sarebbe il collante". La sede centrale del Movimento dovrebbe essere a Bruxelles dove il fronte populista comincerà ad assumere personale nei prossimi mesi. La previsione è che ci siano almeno 10 dipendenti a tempo pieno prima delle elezioni del 2019, con un esperto di sondaggi, un addetto alle comunicazioni, un responsabile dell'ufficio e un ricercatore tra le posizioni. Il piano è di farli salire a più di 25 persone dopo il 2019. Sempre che il progetto abbia successo.

Guarda anche 

Aquarius cerca di nuovo un porto, ma stavolta la Spagna rimane in silenzio

Da venerdì la nave Aquarius è di nuovo nella bufera. Vaga senza una meta per il Mediterraneo con un carico di 141 migranti salvati nelle acque libiche, e...
13.08.2018
Mondo

Renzetti: “Ci manca un difensore? Non potevamo in ogni caso giocare in 12…”

LUGANO – 4 punti in 4 partite di campionato: l’avvio stagionale del Lugano è stato un po’ in luce ed ombra. Se solo sabato non fosse giunto il 2-...
14.08.2018
Sport

Lugano-Maric: “Noi lo vogliamo, lui vuole venire”. Parola di Renzetti

LUGANO – Le difficoltà palesate in quest’avvio di stagione dal Lugano, specie in fase difensiva e ancor di più sulle palle ferme, hanno fatto ri...
13.08.2018
Sport

Accordo quadro, è fuggi fuggi generale : ormai tutti i partiti vogliono la sospensione o l'abbandono delle negoziazioni

Le prospettive per l'Accordo quadro attualmente in negoziazione con l'UE si fanno sempre più cupe. Dopo che i sindacati si sono rifiutati di prendere pa...
13.08.2018
Svizzera