Svizzera, 09 agosto 2018

I bus germanici “possono”, quelli per la Malpensa no?

La Leuthard (PPD) ed i suoi burocrati dell’UFT, nelle concessioni ai torpedoni utilizzano alla grande il sistema dei due pesi e delle due misure. Penalizzando i viaggiatori, le aziende di trasporto ed il turismo ticinese

Uella, i bus tedeschi della Flixbus, che da giugno sono autorizzati a coprire non solo tratte dalla Svizzera a varie città europee e viceversa, ma anche tratte interne alla Svizzera, hanno aumentato il fatturato del 40%. Costituiscono sempre più un’alternativa meno costosa alla ferrovia.

Apperò! A questi torpedoni teutonici  low cost, la Doris uregiatta ed i suoi burocrati dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT) hanno accordato l’autorizzazione. Invece, con la fregnaccia del “non si può (sa po' mia!) fare concorrenza alla ferrovia" (è tornato Stalin?), vogliono cancellare il bus Lugano-Malpensa. 
Uella Doris, la libertà di concorrenziare le FFS vale solo per alcuni, oltretutto stranieri, mentre per altri (ticinesi) no?

Il colmo è che lo stop al collegamento su gomma con la Malpensa è stato decretato malgrado:

1) Non esista affatto – ma nemmeno lontanamente! - un’alternativa ferroviaria decente; 

2) Il Belpaese continui a procrastinare l'apertura delle tratte promesse (l'ultimo ritardo è stato annunciato un paio di settimane fa: la linea S50 Bellinzona-Lugano-Malpensa, invece che a fine 2018, entrerà in esercizio solo a metà 2019, e vedremo poi se lo farà); e 

3) Quanto a ritardi e disservizi sul nuovo trenino dei puffi Lugano-Varese, meglio stendere un velo, anzi un burqa pietoso.

Complimenti alla Doris ed ai burocrati dell'Ufficio federale dei trasporti: questa sì che è coerenza! Questa sì che è parità di trattamento!

Il piccione viaggiatore

Guarda anche 

Partita la missione finlandese, ma il Lugano perde anche Morini

LUGANO – Questa mattina il Terminal 1 della Malpensa si è colorato di bianconero: il Lugano, infatti, si sta imbarcando in questi minuti per raggiungere Hels...
15.10.2018
Sport

Parola a Renzetti: “Noi versiamo una parte di stipendio di Brlek, il problema è del Genoa che magari non ha pagato tutto il cartellino…”

LUGANO – Se la settimana calcistica si era aperta con la notizia giunta dalla Polonia e da Genova, in merito a un assegno scoperto da 800'000 Euro staccato dal ...
15.10.2018
Sport

“Brlek? Problema che non riguarda il Lugano, ma il giocatore è stato pagato”

LUGANO – Il lunedì mattina a tinte bianconere, quelle dell’FC Lugano, si era aperto con la notizia rimbalzata da Genova, relativa a un assegno scoperto...
15.10.2018
Sport

“Assegni scoperti per 800'000 Euro per acquistare Brlek”. Il Genoa nel mirino. Che succederà a Lugano?

LUGANO – Fino ad ora ha giocato 249’ in Super League e altri 146’ in Coppa Svizzera, il suo rendimento nel centrocampo del Lugano è sempre stato ...
15.10.2018
Sport