Svizzera, 22 agosto 2018

Anche a Basilea una folla attacca i soccorsi

L'indignazione è grande, da quando sabato scorso sul lungolago di Zurigo circa 200-300 persone hanno attaccato le pattuglie di polizia e i paramedici giunti sul posto dopo un accoltellamento in cui erano rimaste ferite tre persone. Ora si scopre che l'incidente non è stato l'unico del suo genere quella sera.


Solo poche ore prima delle rivolte a Zurigo, un'ambulanza viene attaccata durante un'operazione a Kleinhüningen, nel nord di Basilea. Come scrive il quotidiano basilese baz, i servizi di emergenza non sarebbero nemmeno arrivati ​​al paziente perché sono stati attccati da una folla presente.
L'attacco è avvenuto sabato sera nell'ambito dell'electro festival "Jungle Street Groove" nel porto di Kleinhüningen. La squadra di soccorso della Croce Rossa tedesca ha richiesto il sostegno di Weil am Rhein (D) per occuparsi di un uomo sul posto. Nonostante le sirene spiegate, tuttavia, l'auto dell'ospedale fin dall'inizio attraversa a malapena la folla.


"C'era un gran numero di persone sul campo il cui umore deve essere descritto come disinibito", spiega Toprak Yerguz, portavoce del Dipartimento di Giustizia e Sicurezza di Basilea. Ad un certo punto la folla inizia a scuotere l'ambulanza. Yerguz ha proseguito: "di fronte all'ambulanza la gente ha tirato giù i pantaloni e ha mostrato agli operatori di emergenza il sedere nudo, altri hanno aperto le porte dall'esterno".


Alla fine i paramedici tedeschi non hanno avuto altra scelta che avvisare la polizia. Solo con il loro aiuto, i paramedici hanno potuto continuare con la loro operazione di soccorso. In questo caso, il ritardo non ha avuto conseguenze gravi per il paziente, continua Toprak Yerguz. Ma ora parla anche di problemi crescenti nelle operazioni delle squadre di soccorso. "In generale si può dire che il rispetto per i servizi di emergenza è diminuito."


A Zurigo, si registrano le prime reazioni dopo gli incidenti dello scorso sabato. La consigliera comunaleKarin Rykart (Verdi) vuole fare un passo avanti in parlamento questo autunno, rendendo Bodycams parte integrante dell'attrezzatura delle task force. Gli autori dei reati dovrebbero così essere meglio identificati in futuro.

Guarda anche 

"Unia si batte per noi", un testo scolastico accusato di fare propaganda di sinistra

Elogi alla leadership dell'UE e al movimento "Occupy Wall Street", le dittature comuniste del 20esimo secolo hanno portato "libertà e felicit&ag...
18.09.2018
Svizzera

Aria di Coppa: l’Ambrì di scena a Turgovia

TURGOVIA – Col campionato che scatterà venerdì, questa sera le prime squadre di LNA e di LNB, saranno impegnate nei sedicesimi di finale di Coppa Sviz...
18.09.2018
Sport

Lugano, un passo avanti… e alcuni indietro

LOSANNA – Certo la cosa che conta nel calcio è vincere e, in caso della Coppa svizzera, continuare il proprio cammino verso l’atto finale della competi...
16.09.2018
Sport

Schneider-Ammann non riesce più a stare sveglio durante le riunioni

Quanto è stanco il consigliere federale Johann Schneider-Ammann? Nella Berna federale si dice che il ministro dell'economia si sarebbe addormentato più ...
16.09.2018
Svizzera