Opinioni, 29 agosto 2018

Sul dialetto proseguiremo indomiti

Negli scorsi giorni il Municipio di Lugano ha risposto alla mia interrogazione inoltrata lo scorso 22 maggio 2018 denominata «Dialetto: quo vadis?», nella quale chiedevo sostanzialmente lumi sulla realizzazione dei corsi facoltativi di dialetto. L’esecutivo di Lugano ha preso posizione evidenziando che su 19 assemblee dei genitori, che si occupano di creare i corsi doposcuola, solo 2 di queste sono intenzionate a creare dei progetti mirati in favore della lingua locale. L’assemblea di Molino Nuovo si è detta interessata ad organizzare durante il nuovo anno scolastico incontri occasionali durante i quali proporre letture, spettacoli o racconti in dialetto rivolti agli alunni e alle famiglie. Anche l’assemblea dei genitori della scuola elementare della Gerra organizzerà una volta al mese, a partire da settembre 2018, alla loro biblioteca delle letture in dialetto, mentre l’assemblea di Cassarate ha organizzato lo scorso 10 aprile una lettura in dialetto in biblioteca rivolta agli alunni e alle famiglie.

Alla luce di quanto emerso, mi sembra doveroso trarre le dovute considerazioni. In primo luogo mi sento di poter affermare che la mozione ha rilanciato il tema del dialetto, coinvolgendo la popolazione e il mondo scolastico e pertanto l’obiettivo principale è stato raggiunto. Sono ben consapevole che una nuovissima proposta difficilmente può trovare consenso immediato nella popolazione, è comprensibile che vi si voglia un periodo di «meditazione»; soprattutto nel Luganese, dove la percentuale di persone che parlano in dialetto è la più bassa a livello cantonale: l’Ustat sostiene che solo il 23% della popolazione luganese comprende e si esprime nella lingua locale. Tuttavia apprendo con piacere che tutte le assemblee dei genitori si sono chinate al loro interno su questo tema e che 3 di queste abbiano portato qualcosa di concreto, quale progetto pilota. Ritengo pertanto che questo sia solo un primo passo verso la promozione del dialetto: proseguiremo indomiti a favore della salvaguardia delle nostre tradizioni. Non molleremo.

Nicholas Marioli
Promotore mozione “Dialetto: dalle parole ai fatti!”
Consigliere Comunale di Lugano per la Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Il gusto del riflesso vince il concorso fotografico

E’ un gusto inconsueto, quello di Danilo Bruzzone, appassionato di fotografia e da sempre innamorato dei riflessi nelle istantanee. E’ stata proprio la sua im...
18.09.2018
Ticino

Una dolce “tavolozza” colora di gusto Lugano

Si chiama “Tavolozza” il dolce che oggi ha conquistato i giudici della seconda edizione del “Concorso Dessert al piatto”, che quest’anno &eg...
17.09.2018
Ticino

La miglior birra ticinese è Mericana!

Lugano Città del Gusto ha assegnato il suo primo premio ufficiale. Dopo una lunga selezione di etichette ticinesi, iniziata lo scorso inverno, oggi finalmente la g...
16.09.2018
Ticino

Pedrazzini (Rangers Lugano): “Non c’e tempo di annoiarsi”

LUGANO - Colpo d’occhio, rapidità, fisicità, buone doti agonistiche ed una sana mentalità vincente. Queste sono le doti principali che dev...
16.09.2018
Sport