Mondo, 04 settembre 2018

Caos in Libia: "Ennesimo fallimento UE, ma è qui che si gioca la sua credibilità"

La Libia è nel caos le ripercussioni per l'Europa sono immediate con l’Italia che  rischia di perdere la sua influenza su un Paese chiave del Mediterraneo a spese delLa Francia , in quanto la confusione genera ingovernabilità e che l’ingovernabilità non permette a Fayez al Sarraj di controllare il Paese, facendo crescere il potere di Khalifa Haftar, vicino a Parigi. Una guerra diplomatica fra Italia e Francia che rischia anche di veder fallire i tentativi di una “pax italiana” a discapito del caos. Un pericolo per gli interessi economici, energetici e di sicurezza italiani e che mette a rischio a anche il resto del l’Europa.

E l’Europa, che fine ha fatto? La domanda sorge spontanea visto che l’Unione europea è stata da sempre coinvolta sulla Libia quando si è parlato di migranti, ma non sembra avere alcun peso quando si tratta di capire il futuro di uno Stato e che è a pochi chilometri dalla sua frontiera esterna. Si parla di Francia, di Emmanuel Macron, di Italia, di Stati Uniti o di Russia. Ma dov’è l’Europa, visto che qui si gioca gran parte della sua sicurezza nel Mediterraneo?

Il silenzio di Bruxelles, evitando di considerare le dichiarazioni di facciata, è assordante. Ieri, il portavoce per gli Affari Esteri della Commissione europea, Carlos Martin Ruiz de Gordejuela, ha detto che “non c’è alcuna soluzione militare” a quanto sta avvenendo a Tripoli e che l’Ue “sostiene fortemente il processo di mediazione inclusivo avviato dalle Nazioni Unite e gli sforzi del rappresentante speciale Ghassan Salamé”.

Il funzionario ha poi aggiunto che “si aspetta che tutti i legittimi attori in Libia concorrano verso questo obiettivo, nello spirito del compromesso e mettendo in primo piano gli interessi del popolo libico”. Parole affascinanti che però appaiono più come auspici che come strategie.
La realtà dei fatti è che oggi non esiste alcuna politica estera dell’Unione europea e non esiste alcuna convergenza fra partner europei. La Libia è nel caos e questo conflitto latente fra Parigi e Roma è la dimostrazione che, anche in questo caso, non c’è convergenza d’interessi fra gli Stati europei.

L’Ue si gioca la sua credibilità in questi mesi: è inutile nasconderlo. Assediata da crisi finanziarie, migratorie e divergenze politiche, Bruxelles adesso si trova a dover capire come muoversi per affrontare una crisi profondissima in un territorio in cui è completamente assente. Sono gli interessi nazionali a prevalere su quelli europei. Ed è il campione dell’europeismo di facciata,  Macron, ad averne dato l’esempio più concreto.

Questa crisi in Libia è un banco di prova importante. L’Italia una strategia l’aveva, ma non è piaciuta. Soprattutto a Parigi. E ora la Libia si ritrova a vedere davanti a sé lo specchio della distruzione. L’Unione europea non ha uno scopo e non si sa esattamente da che parte si muove. È evidente che i suoi appelli riguardanti le Nazioni Unite sono del tutto ininfluenti quando sono le potenze nazionali che decidono i destini della Libia. 

Del resto l’ha dimostrato anche l’operazione Sophia per il traffico di migranti dalla Libia verso l’Italia. Dopo il vertice informale dei ministri a Vienna, si è capito che l’Europa non aveva alcun peso e che erano i singoli governi a decidere autonomamente per il proprio interesse nazionale.
E ora, sempre sulla Libia, la questione è di nuovo all’ordine del giorno. Se l’Europa esiste, dovrebbe prima di tutto imporre a chi soffia sul fuoco delle milizie che avere una nuova Somalia sotto la Sicilia è prima di tutto un problema europeo, e non solo italiano. Ma sembra difficile credere che qualcuno a Bruxelles possa imporsi su Macron e sui suoi alleati. Non lo fecero con Nicolas Sarkozy, quando l’allora presidente francese decise di rovesciare Muhammar Gheddafi. E non la faranno adesso, con un Macron in piena deriva coloniale.

L’Unione europea sta naufragando. E la Libia, che è la prima minaccia nel Mediterraneo, è l’ultima occasione per dimostrare che non è ancora scritta la parola “fine” sull’Ue.

(Via gliocchidellaguerra.it)

Guarda anche 

Tutti a caccia del Real: riparte la corsa allo scettro d’Europa

NYON – Dopo la festa Real di Kiev, le Merengues sono pronte a mettere sul piatto il loro titolo europeo per dare battaglia a tutte le altre pretendenti a conquistar...
18.09.2018
Sport

Al pranzo del Papa i migranti clandestini non possono partecipare "per motivi di sicurezza"

Nonostante Papa Bergoglio si sia sempre professato per l'accoglienza dei migranti e per l'immigrazione illimita, « dimenticandosi » allo ste...
18.09.2018
Mondo

“Senza CR7 siamo più squadra”: Bale lancia la frecciatina

MADRID (Spagna) – Nel giorno dei suoi primi gol in maglia juventina, Cristiano Ronaldo ha dovuto incassare la frecciatina del suo ex compagno di squadra al Real Mad...
17.09.2018
Sport

Macron al giovane disoccupato: "Per trovare lavoro basta attraversare la strada"

Per trovare lavoro, basta "attraversare la strada". Emmanuel Macron lo ha assicurato a un giovane orticoltore disoccupato che si è recato al l'Eliseo...
17.09.2018
Mondo