Mondo, 08 settembre 2018

"La mia Europa: europei e tedeschi dell'est con gli occidentali realistici"

foto twitter
Le persone dell'ex blocco orientale sono diverse da quelle occidentali: sono più realistiche. Questo vale sia per gli europei dell'Est che per i tedeschi dell'ex-DDR. L'idealismo per loro è la porta dell'inferno.

Gli abitanti della Sassonia che hanno seguito gli eventi di Chemnitz attraverso i media tedeschi (dell'ovest), è probabile che si siano sentiti come noi in Ungheria quando i media occidentali scrivono del nostro paese: si impara di più sulla condizione mentale di chi scrive rispetto a ciò che viene riportato. "Tedeschi dell'est" è diventato in occidente un termine altrettanto sprezzante di "Europei dell'est". Quelli dell'est, è la conclusione che si trae leggendo tra le righe, sono diversi. E diversi in modo negativo, perchè devono essere come gli occidentali.

Gli abitanti dell'ex blocco sovietico sono mentalmente e moralmente ritardati, stupidi o cattivi, o entrambi. Autoritari, estranei alla democrazia, razzisti e xenofobi. I "tedeschi dell'est" e gli "europei dell'est" devono ancora imparare molto finché non saranno illuminati come gli autori degli articoli che li descrivono. E questo è probabilmente il motivo per cui sono così "odiosi" (cioè cattivi) perché hanno trascurato il loro "venire a patti col passato" e sono mentalmente a casa da qualche altra parte, da qualche parte nella dittatura comunista o addirittura fascista. La cosa più bella che i media occidentali dicono e scrivono su di loro è che hanno "paura" che bisogna "prendere sul serio". Ma alla fine, hanno paura solo perché sono troppo stupidi per rendersi conto che non c'è davvero alcun problema, tranne forse i propri riflessi razzisti. Una piccola rieducazione attraverso il "dialogo" dovrebbe aiutare.

L'Europa dell'est - più che un po 'diversa

Non è una nuova narrativa, quella di trattare quelli dell'est europeo come in ritardo rispetto all'occidente. La novità, emersa dagli eventi di Chemnitz e il modo in cui i media occidentali hanno riportato gli eventi, è un dibattito simile a quello presente qui in Ungheria: perché gli occidentali sono così ideologicamente accecati da non riuscire più a vedere la foresta per gli alberi? Sei vittima di un vasto lavaggio del cervello, o perché scrivono tutti in modo così uniforme e lontano dalla realtà? In breve, anche da noi è un tema di dibattito il fatto che gli occidentali descrivono la realtà in modo così diverso da come lo facciamo noi nell'est. Ma siamo noi, gli europei dell'est che hanno torto o sono quelli in occidenti? Quanto siamo diversi e perché?

Sì, le persone dell'ex blocco orientale sono cresciute in modo diverso rispetto a quelle occidentali. Sapevano sempre che i loro media e politici mentivano perché vivevano in una dittatura. I loro riflessi sono quindi istintivamente media-scettici e critici nei confronti del governo. È l'opposto dell'obbedienza – per loro è scontato che il governo oscuri la verità e che rappresenti un pericolo. Lo accetti con frustrazione perché non vuoi guai. Ciò va bene finché il paese è tecnicamente governabile. Se, tuttavia, se viene stabilita l'incompetenza del governo - come con l'ingresso incontrollato di centinaia di migliaia di persone provenienti da paesi e culture straniere, o se l'economia è crollata come da noi nella fase finale del comunismo - poi la rabbia può diventare così grande che si arrivi a un'esplosione.

Comprendere il mondo attraverso il proprio ambiente

Dal momento che nell'est è un assunto che una persona non è correttamente informata dalla politica e dai media, ci si è informa in modo diverso. Vicini, amici, amici di amici - nell'Est molto più che in Occidente si parla di quello che succede alle persone che conosci e trai conclusioni sulla realtà. Comprendiamo il mondo su ciò che sta accadendo nel nostro ambiente e non accettiamo una narrativa interpretativa di "quelli lassù", siano essi i media o i politici.

Se c sono bambinii vittime di bullismo nel cortile della scuola di migranti, donne molestate sessualmente, senza che ciò comporti pesanti sanzioni penali per gli autori – da noi nell'est, questa è una notizia che si diffonde ampiamente e rapidamente, anche se non appare nei media. E la maggior parte delle volte, abbiamo una chiara opinione che non siamo noi a essere il problema, ma i migranti autori di tali atti - e quei politici che li hanno fatti entrare nel paese. Questo è vero anche se la maggior parte dei migranti è rispettosa della legge e persone per bene.

Gli occidentali e i loro ideali

Gli occidentali, d'altra parte, vedono il mondo alla luce degli ideali insegnati loro da insegnanti, politici e media. Non si tratta della realtà, ma un effetto del movimento sociopolitico sorto nel 1968, che ha lasciato un segno duraturo sull' Occidente - sui "valori". Tutte le persone sono uguali. I pregiudizi contro persone di altri paesi sono razzismo. La religione è un problema. L'orgoglio e l'amore per il proprio paese sono una deriva nazionalista.

La pensiamo diversamente nell'est: le persone non sono tutte uguali e i popoli del mondo non sono "fratelli". La politica non è mai "solidale", ma una lotta per il potere e imporre i propri interessi. Questi slogan oggi in voga in occidente le abbiamo conosciute attraverso la propaganda della dittatura comunista. Sappiamo che non significano niente. Le persone dell'est sono interessate alla realtà, mentre quelle occidentali vogliono adeguare la realtà ai loro "valori" e spesso non ci si riconoscono.

A questo riguardo, dagli eventi di Chemnitz si capisce che i tedeschi dell'ex-ddr sono rimasti normali, come noi. Ecco perché hanno reagito all'omicidio di un cittadino nel modo in cui avremmo reagito anche noi - con rabbia e indignazione verso la politica.

Boris Kálnoky / dw.com (articolo tradotto)

Boris Kálnoky (nella foto), nato nel 1961, riferisce come corrispondente ungherese per Die Welt e altri media in lingua tedesca. È l'autore del libro "Ahnenland" (“terra ancestrale”, in cui ripercorre la storia dei suoi antenati – tra cui il ministro degli Esteri dell'impero austro-ungarico Gustav Kálnoky.

Guarda anche 

In Germania è (ancora) crisi nera, governo vicino alla fine?

Chemnitz, Chemnitz e ancora Chemnitz. L'onda lunga delle massicce manifestazioni che si sono tenute nella Germania orientale due settimane fa continuano a tenere banc...
14.09.2018
Mondo

Orban sfida il parlamento euroepo: "Contro di noi la vendetta dei deputati pro-immigrazione"

"I deputati pro immigrazione hanno la maggioranza al Parlamento europeo e stanno preparando una vendetta contro l'Ungheria perché abbiamo deciso...
11.09.2018
Mondo

Altro tedesco ucciso da migranti, si riaccendono le proteste in Germania

Circa 2'500 persone hanno manifestato la sera del 9 settembre a Köthen, in Sassonia nella Germania orientale, in seguito alla morte di un giovane in un alterco c...
11.09.2018
Mondo

Il ministro dell'interno tedesco: "L'immigrazione è la madre di tutti i problemi"

Le manifestazioni avvenute a Chemnitz nella Germania orientale settimana scorsa continuano a dominare la cronaca tedesca. Ieri a inserirsi nel dibattito è stato un...
07.09.2018
Mondo