Svizzera, 28 aprile 2024

In Consiglio federale è battaglia sui 15 miliardi di franchi per esercito e Ucraina

L'argomento che ha più fatto discutere la Berna federale questa settimana è senza dubbio il credito miliardario per esercito e Ucraina. Oltre 15 miliardi di franchi di fondi pubblici devono essere utilizzati come spese straordinarie per aggirare il freno all'indebitamento tramite un fondo speciale. Questo è quanto ha deciso la maggioranza di centrosinistra della Commissione di Sicurezza del Consiglio degli Stati: 10,1 miliardi per un aumento più rapido del bilancio dell'esercito, 5 miliardi per la ricostruzione dell'Ucraina. Una somma che non deve essere prelevata dal resto degli aiuti allo sviluppo.

Questo progetto è stato preparato dietro le quinte per settimane. Come rivela la stampa svizzerotedesca, questo credito straordinario ha scatenato una dura lotta anche in seno al Consiglio federale. La ministra PLR Karin Keller-Sutter e il suo Dipartimento delle finanze si oppongono con le unghie e con i denti al pacchetto da 15 miliardi, mentre la consigliera federale centrale Viola Amherd e il suo Dipartimento della Difesa (DDPS) lo sostengono. Almeno questo è ciò che mostrano i documenti interni.

Da ciò risulta chiaro che, data la ristrettezza delle finanze pubbliche, Karin Keller-Sutter vuole assolutamente evitare nuovi debiti. Viola Amherd, invece, sta cercando di ottenere più soldi per il suo esercito. Per il Dipartimento delle Finanze è chiaro che non esiste alcuna base giuridica per un tale fondo. E oltre al freno all’indebitamento non vi sono altre possibilità per approvare il pacchetto di miliardi di franchi. Il finanziamento straordinario è consentito solo in caso di “sviluppi eccezionali che non possono essere gestiti dalla Confederazione”, cioè casi per i quali la politica non ha altra scelta. Questo non è quindi il caso del bilancio pianificabile dell'esercito. Pertanto il fondo previsto è contrario alla normativa vigente.



Il DDPS giunge a conclusioni completamente diverse: “Il Parlamento ha la competenza per creare una tale base”. Per lui, oltre alla valutazione finanziaria, è comunque necessario effettuare una valutazione della situazione dal punto di vista della politica di sicurezza. Infine, la situazione della sicurezza in Europa, notevolmente peggiorata con la guerra in Ucraina, giustifica tale importo. "Questo deve essere considerato un evento imprevedibile, sorprendente e grave, e quindi un evento straordinario", spiega il DDPS. Quest’ultimo ritiene che in questo ambito non si debba prendere in considerazione il freno all’indebitamento.

È “fondamentale” che l’esercito svizzero possa aumentare rapidamente la propria capacità di difesa. “Per colmare le lacune di capacità non dobbiamo esitare né aspettare”, sottolinea il DDPS. Questa è la condizione affinché l’esercito possa continuare ad adempiere al suo mandato costituzionale in futuro”. Con i 10,1 miliardi di franchi richiesti si potrebbero realizzare rapidamente gli investimenti “più necessari”.

Per il dipartimento delle finanze di Karin Keller-Sutter, tuttavia, non è possibile accettare un simile onere finanziario. Il graduale aumento delle spese militari deve essere pianificato e implementato nel bilancio regolare. Se le solite procedure non bastano, bisognerà risparmiare denaro in altri settori. Il duello miliardario tra Viola Amherd e Karin Keller-Sutter sarà quindi deciso dal Parlamento.

Guarda anche 

La televisione russa prende di mira Viola Amherd, “brutta e corrotta”

L'emittente pubblica russa Pervy Kanal ha pesantemente attaccato la Consigliera federale Viola Amherd. In un servizio andato in onda il 20 maggio, per un'ora inte...
02.06.2024
Svizzera

Karin Keller-Sutter vuole tagliare sussidi per miliardi di franchi

Le attività che vivono di sussidi federali rischiano di avere grosse difficoltà negli anni a venire. La Consigliere federale Karin Keller-Sutter vuole infat...
05.05.2024
Svizzera

Per il Consiglio nazionale Viola Amherd è troppo vicina alla NATO

La Commissione per la politica di sicurezza del Consiglio nazionale vuole porre fine all'avvicinamento della consigliera federale Viola Amherd alla NATO. La prevista ...
22.02.2024
Svizzera

Nessun regalo alle multinazionali, da gennaio al via l'imposizione minima

Dal 2024 la Svizzera tasserà più severamente le grandi multinazionali, nonostante le pressioni da parte degli ambienti economici e dalle stesse aziende colp...
25.12.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto