Svizzera, 11 maggio 2024

Un'adolescente svizzera ritrovata in Spagna mesi dopo essere stata rapita

Un'adolescente svizzera è stata ritrovata in Spagna dopo essere rapita in Svizzera, probabilmente da suo padre. Vivendo totalmente isolata dal mondo, la vicenda solleva diversi interrogativi. I suoi vestiti erano sporchi e logori, i suoi capelli arruffati e evita a tutti costi gli sguardi delle persone. È così che gli agenti di polizia di Coín hanno trovato una minorenne lo scorso 18 marzo nel centro di questa cittadina del sud della Spagna, come riportato da “Diario Sur”. La giovane, 17 anni, si sarebbe nascosta dietro un'auto in panne in compagnia di un uomo, in stato altrettanto fatiscente.

Poiché sembrava che vivessero nella loro macchina, la polizia ha verificato le loro identità, prima di portarli entrambi alla stazione di polizia. Dopo aver raccolto i loro dati, la banca dati ha immediatamente emesso un risultato: secondo l'ufficio SIRENE, responsabile della cooperazione tecnica e operativa tra i paesi Schengen, c'era un avviso urgente di pericolo per la ragazza, avviso emesso dalle autorità svizzere.

Non si sa dove si trovi, ma è stato affermato che c'era un “alto rischio di rapimento” da parte di suo padre. La giustizia spagnola e il Servizio di protezione dell'infanzia della provincia di Malaga hanno immediatamente contattato i colleghi svizzeri. La storia si fa più chiara: la bambina era cresciuta in Svizzera, nella foresta, con le sorelle, lontana dalla civiltà e senza alcun contatto sociale al di fuori della famiglia.



Il padre era contrario a tutte le istituzioni e strutture sociali, motivo per cui era considerato un “pericolo” per i suoi figli e posto sotto la tutela delle autorità. A quanto pare è riuscito a scappare e a portare all'estero una delle figlie. Le autorità svizzere hanno scritto che l'adolescente, cresciuta isolata dalla società, si trovava in una situazione pericolosa a causa della sua "estrema vulnerabilità". Secondo quanto riferito dai servizi sociali svizzeri entrambi i genitori hanno problemi psicologici. La madre non vede sua figlia già da sei anni.

Dopo essere stata prelevata, la giovane è stata inizialmente ricoverata in un centro di protezione infantile a Malaga. La sua salute era motivo di preoccupazione. Probabilmente ha vissuto a lungo senza accesso alle cure, si legge nel verbale della polizia spagnola.

L'uomo che ha allertato la polizia ha raccontato anche a “La Vanguardia” dell'atteggiamento preoccupante della ragazza. Il padre, dunque, sarebbe venuto nel suo garage per un problema tecnico alla sua vettura. Appena l’adolescente è scesa dall’auto, si è accorto che qualcosa non andava: “È uscita spaventata, sola e sporca”, sintetizza.

Interrogato da Blick, il Dipartimento degli affari esteri (DFAE) conferma che l'adolescente è stata riportata in Svizzera il 3 maggio scorso. Per motivi di privacy l'amministrazione non può fornire ulteriori informazioni. Non sappiamo ancora cosa accadrà al padre.

Guarda anche 

Di Stefano e Puskas ripudiati: scelta polemica ma vincente

LUGANO - Quando l’UEFA decide di assegnare alla Spagna la fase finale degli Europei del 1964, il paese iberico è prigioniero di una dittatura che non ha...
03.05.2024
Sport

Il trofeo dell’orgoglio basco e i fischi contro il sovrano

BILBAO (Spagna) - La finale della Coppa del Re di Spagna, disputata qualche settimana fa a Siviglia fra il Mallorca e l’Athletic Bilbao, è stato uno deg...
25.04.2024
Sport

Spagna, palazzo in fiamme a Valencia: almeno quattro morti

Un palazzo residenziale di quattordici piani è stato devastato dalle fiamme giovedì nella città portuale spagnola di Valencia, nell'est del paese...
23.02.2024
Mondo

Sono raddoppiati i migranti arrivati in Spagna nel 2023

Il numero di migranti illegali entrati in Spagna lo scorso anno è aumentato dell'82,1% rispetto al 2022 raggiungendo così 56'852 persone, secondo i ...
04.01.2024
Mondo

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto