Mondo, 18 giugno 2024

Usa, scagionata dopo 43 anni passati ingiustamente in carcere

“Sandy” è in prigione da 43 anni per una condanna di omicidio. Ma dopo diversi giorni di udienze, venerdì scorso il giudice distrettuale della contea di Livingston è giunto a una conclusione inaspettata: Sandra “Sandy” Hemme è innocente. Secondo il quotidiano “The Kansas City Star” e altri media americani ci sono prove “chiare e convincenti”. Il giudice Ryan Horsman ha stabilito in un rapporto di 118 pagine che "prove dirette" indicavano quale colpevole un agente di polizia, ma che era morto nel 2015. Ha affermato che sono stati commessi errori investigativi e procedurali.

Gli avvocati della donna hanno immediatamente chiesto il suo rilascio dal carcere Chillicothe Correctional Center. Secondo il giornale, la Procura ha 30 giorni di tempo per decidere se reincriminare "Sandy" o far cadere le accuse. Se rilasciata, si tratterebbe della più lunga condanna ingiusta di una donna nella storia degli Stati Uniti.

Hemme fu condannato nel 1980 per l'omicidio di una donna di 31 anni nel suo appartamento di St Joseph. "L'unica prova che collega Sandra Hemme al crimine sono le sue stesse dichiarazioni contraddittorie e non provate, dichiarazioni fatte mentre era in crisi psichiatrica e soffriva di dolore fisico", ha scritto nel rapporto il giudice Ryan Horsman. Non aveva movente e non c'erano prove forensi.



Circa due settimane dopo il delitto, ha confessato di aver commesso l'omicidio da sola. Allo stesso tempo, secondo quanto riferito, non ne era del tutto sicura e ha detto agli investigatori che pensava di aver pugnalato la donna con un coltello da caccia e ha aggiunto: "Non lo so, non lo so".
Secondo il rapporto, gli avvocati di Sandra Hemme hanno sostenuto che la donna al momento dell'interrogatorio era in una crisi psicologica ed era così sotto l'effetto di farmaci che non riusciva nemmeno a tenere la testa alta. Addosso all'agente di polizia sono stati trovati gli orecchini della vittima, che gli investigatori non hanno trasmesso agli avvocati della donna, ha riferito KCTV.

Le indagini svolte contro l'agente non sono proseguite e sono state escluse informazioni sul suo passato criminale. Il giudice Ryan Horsman, tuttavia, ha ritenuto che all'epoca la difesa di Sandra Hemme non avesse fornito prove del suo disagio psicologico, ciò che ha reso le sue dichiarazioni, per quanto confuse, prove ritenute sufficienti per la sua condanna.

Guarda anche 

Una modella svizzera brutalmente uccisa in Thailandia

Una giovane donna è stata ritrovata morta nel suo appartamento a Bangkok, in Thailandia, giovedì scorso. Secondo i media locali, la vittima è una 24e...
25.07.2024
Mondo

Attentato contro Trump, si dimette la direttrice del Secret Service

La direttrice del Secret Service, sotto accusa dopo l'attentato contro Donald Trump il 13 luglio, si è dimessa martedì, il giorno dopo una tesa audizion...
24.07.2024
Mondo

Sarà Kamala Harris la (probabile) sfidante di Donald Trump

Sarà con tutta probabilità Kamala Harris a essere la candidata del partito democratico alle presidenziali americane del 2024, dopo il ritiro di Joe Biden. L...
23.07.2024
Mondo

Biden molla la presa: si ritira dalla corsa alla Casa Bianca

WASHINGTON (USA) – Tramite un messaggio sul suo account ‘X’, il presidente americano, Joe Biden, ha annunciato il suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianc...
21.07.2024
Mondo

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto