Ticino, 03 novembre 2020

La violenza degli autogestiti e l’ipocrisia della sinistra

L’ipocrisia della sinistra luganese emerge plateale dalle reazioni all’ultima manifestazione illegale e violenta dei cosiddetti autogestiti, tenutasi lo scorso venerdì in Piazza Molino Nuovo e poi in centro.

Dato che a prendersi una testata da un’autocertificata ”anarchica” è stata la giornalista di un foglio di sinistra (LaRegione) ecco che improvvisamente giunge anche la condanna socialista. Vedi al proposito le dichiarazioni del presidente della sezione PS di Lugano apparse sul CdT di lunedì.

Addirittura un dirigente cantonale del PS, oltretutto dipendente della Città di Lugano, ha deplorato gli atti vandalici sulla fontana di Molino Nuovo in quanto progettata da un architetto di sinistra (Tita Carloni). Fosse stata progettata da un architetto di destra, ne avrebbe giustificato non solo l’imbrattamento, ma anche la demolizione? E su tutti gli altri beni pubblici (quindi di proprietà del suo datore di lavoro) e privati danneggiati venerdì sera, questo illuminato signore non ha nulla da dire?

Curiosamente, quando nel settembre del 2019 i “molinari”
- ancora una volta nell’ambito di una manifestazione illegale - sfilavano in via Monte Boglia, vandalizzando edifici privati e berciando minacce di morte contro il sindaco Borradori ed altri esponenti della Lega, non solo il presidente della sezione socialista di Lugano non aveva nulla da dire, ma presenziava alla manifestazione assieme alla municipale socialista ed ai vertici del suo partito.

Si ricorda inoltre che il PS ha sempre protetto ad oltranza gli okkupanti dell’ex Macello, ed anzi vorrebbe lasciarli lì anche dopo che la città avrà (forse) investito 26 milioni di Fr di proprietà del contribuente luganese - quello che deve attenersi alle regole e rispettare le leggi, al contrario degli autogestiti sponsorizzati dai socialisti - per riqualificare il sedime.

In questo contesto, che il presidente sezionale PS ancora si metta a disquisire sul fotomontaggio pubblicato sulla prima pagina del Mattino che mostra una ruspa all’ex Macello, è talmente grottesco da non meritare nemmeno un commento.


Lorenzo Quadri
Municipale di Lugano
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Il Lugano ora ci ha preso gusto

LUCERNA – Pareggio casalingo entusiasmante con l’YB, sconfitta scellerata a Ginevra, vittoria interna con lo Zurigo e passaggio del turno in Coppa Svizzera im...
04.03.2024
Sport

Piange il Lugano, sorride l'Ambrì

LUGANO - Il primo obiettivo stagionale sbandierato è stato fallito! Il Lugano non accede ai playoff e dovrà passare per il turno dei play-in se vorr&ag...
03.03.2024
Sport

“La SEM non ha voluto espellere l'omicida di Chiasso?”

Il Cantone avrebbe richiesto l'espulsione del 27enne somalo arrestato lo scorso primo marzo con l'accusa di aver ucciso un 50enne di Chiasso, ma la Segreteria per...
03.03.2024
Svizzera

Lugano, ora sono guai. Ambrì, è quasi fatta

LUGANO – Si parlava di destino nelle proprie mani, per quanto riguarda il cammino del Lugano in vista dei prossimi playoff. In effetti i bianconeri prima di ieri se...
01.03.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto