Magazine, 17 marzo 2024

Prete si schianta in auto, positivo alla cocaina. La diocesi: “Gli siamo vicini”

Il religioso è stato denunciato per guida sotto effetti di stupefacenti e gli è stata ritirata la patente

SULMONA (Italia) – Il vescovo non vuole commentare e vuole decidere, insieme al Collegio dei consultori, quali misure adottare. Mentre il protagonista, don Daniel Arturo Cardenas, 50enne di origine colombiane e parroco di un paesino in Abruzzo, non risponde ai messaggi al telefono e si è affidato alla segreteria telefonica perché questa volta l’ha fatta grossa: domenica notte, mentre tornava a Rivisondoli, dove c’è la sua chiesa, si è schiantato con la sua Toyota contro il guardrail. 

 
 
Un incidente serio, dal quale l’auto è uscita semidistrutta e lui con una ferita alla testa, curata con qualche punto di sutura all’ospedale di Sulmona: nulla di grave per fortuna. La sorpresa però è giunta dopo, quando le analisi del sangue eseguite come da prassi, ha evidenziato che il sacerdote aveva assunto cocaina. Non qualche piccola traccia, ma un carico superiore alle mille unità, ovvero oltre il triplo del “cut-off”, il valore pari a 300, sotto il quale il test è considerato negativo. Ovviamente gli è stata ritirata la patente ed è stato denunciato alla Procura di Sulmona per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti. Insomma, è probabile che dovrà affrontare un processo o quantomeno una messa alla prova che difficilmente potrà essere un’attività di volontariato, visto il suo lavoro.
 
 
La notizia ha destato scalpore nelle comunità amministrate dal sacerdote e in quella dove era in servizio fino a pochi mesi fa. Dalla Curia è giunto solo un messaggio laconico, affidato all’ufficio comunicazioni sociale diocesano: “Il vescovo e i sacerdoti della Diocesi di Sulmona-Valva, dispiaciuti per l’incidente accaduto a don Daniel – si legge – gli sono vicini, lo accompagnano con la preghiera in questo momento particolare, esprimono vicinanza alla comunità parrocchiale e seguono con attenzione la situazione”.
 
 
Lo stesso don Daniel, qualche mese fa, fu protagonista di un incidente simile e in quell’occasione lasciò l’auto sul posto, perché, sostenne, doveva dire messa.

Guarda anche 

“Borg preferiva la cocaina a me”

MILANO (Italia) – Loredana Berté non è mai stata banale, né nelle sue canzoni né nella sua vita privata. E la cantante lo ha confermato ...
04.04.2024
Magazine

"Grottesca montatura politico-mediatica"

LUGANO - La Lega dei Ticinesi deplora l’ennesima, grottesca montatura politico-mediatica a proposito dell’incidente occorso al Consigliere di Stato Norma...
26.03.2024
Ticino

Gravi accuse all'esercito dopo la morte di un motociclista, “le reclute non dormono abbastanza”

Mercoledì durante un'esercitazione delle scuole di circolazione e trasporti 47 nei pressi di Buochs ​​(NW) sulla A2 una recluta di 19 anni è morta d...
24.03.2024
Svizzera

Genitori lasciano la cocaina in giro per casa, la loro bambina di 1 anno la ingerisce

È una vicenda triste quella su cui la giustizia zurighese si è dovuta chinare recentemente. Una coppia di genitori tossicodipendenti sono stati appena conda...
11.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto