Sport, 06 giugno 2024

Sinner e la vetta Atp sulle orme di Nadal e di Re Roger

L’italiano lunedì sarà ufficialmente il nuovo numero 1 del ranking a 22 anni, come fecero lo spagnolo e il rossocrociato. Alcaraz invece ci riuscì a 19 anni

PARIGI (Francia) – C’è attesa per le due semifinali del Roland Garros maschile che si disputeranno domani (oggi tocca a quelle femminili). Se da una parte la sfida Ruud-Zverev poco riscalda i cuori – il tedesco è nettamente il favorito – quella della parte bassa del tabellone, invece, stuzzica, e non poco la fantasia. Sinner-Alcaraz promette, almeno sulla carta, di essere una sfida spumeggiante e intesa. Fino ad ora i due tennisti si sono sfidati 8 volte, conquistando 4 vittorie a testa: più aperta di così… 

 
 
Ma ovviamente c’è di più: col ritiro di Novak Djokovic – che non parteciperà neanche a Wimbledon e che proverà a tornare in campo per le Olimpiadi dopo l’operazione al menisco per l’infortunio patito a Parigi – Jannik Sinner da lunedì sarà il nuovo numero 1 del ranking ATP. Era solo questione di tempo, lo si sapeva: dalla fine della passata stagione fino ad ora l’italiano, il primo azzurro a raggiungere la vetta della classifica, ha mostrato miglioramenti incredibili e ha sorpreso tutti, vincendo prima la Davis e poi gli Australian Open, oltre che il Masters 1000 di Miami. Sinner è diventato – ufficiosamente al momento – il 29° numero 1 al mondo da quando è nato i ranking computerizzato – 51 anni fa – e il 14° più giovane a centrare questo obiettivo: l’altoatesino ci è riuscito a 22 anni e 9 mesi.
 
 
22 anni, la stessa età di Roger Federer e di Rafael Nadal. Il basilese aveva 22 anni e 5 mesi quando divenne per la prima volta numero 1 al mondo, prima di dominare la classifica per anni e anni. Ovvero prima di lasciare lo scettro a Rafael Nadal nel 2008, che salì in cima alla graduatoria a 22 anni e 2 mesi. Djokovic, invece, è diventato il numero 1 al mondo a 24 anni e 1 mese, prima di conservare il primato per tempo immemore. Anche Agassi diventò numero 1 al mondo a 24 anni (e 11 mesi), mentre a bruciare tutte le tappe furono Borg, Sampras, McEnroe e Safin fino ad arrivare al primatista di sempre,  proprio quell’Alcaraz che domani troverà dall’altra parte della rete per la semifinale del Roland Garros. Lo spagnolo divenne numero 1 al mondo a 19 anni e 4 mesi.

Guarda anche 

“Un sogno? Sarebbe bello intervistare Oprah Winfrey”

LUGANO - Empatica e determinata, Laura Zucchetti è uno dei volti e delle voci più popolari di Teleticino e Radio 3i. Presentatrice e giornali...
16.07.2024
Sport

Ecco il documentario su Federer: un modo per salutarlo e ricordare le sue gesta

LUGANO – Il prossimo 20 giugno, su Amazon Prime, sarà disponibile il documentario relativo a Roger Federer: “Federer: gli ultimi dodici giorni”. ...
13.06.2024
Sport

GALLERY – Marta Kostyuk infiamma Parigi… e i social

PARIGI (Francia) – Il suo Roland Garros, nel torneo di doppio, in coppia con la rumena Gabriela Ruse, si è interrotto in semifinale, al cospetto della coppia...
11.06.2024
Sport

Sinner è il numero 1, ma Alcaraz riscrive la storia

PARIGI (Francia) – Il Roland Garros è riuscito nell’impresa di entrare nella storia del tennis per diversi motivi. Prima di tutto perché, a part...
10.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto