Sport, 01 luglio 2024

In arrivo un’Inghilterra tutt’altro che imbattibile

Sabato a Düsseldorf ci giocheremo un quarto di finale in cui avremo molte occasioni per accedere a una storica semifinale europea

LUGANO – Se fosse un sogno, per favore, non svegliateci. Dopo la vittoria ottenuta sabato contro l’Italia, nell’ottavo di finale di Euro 2024, tutti abbiamo ancora negli occhi la meravigliosa prestazione offerta dalla Svizzera che ha annichilito una nazionale azzurra davvero insufficiente, dominando il campo, ottenendo una vittoria assolutamente meritata e netta. Erano anni che sognavamo una nostra Nazionale in grado di competere ai massimi livelli, sia in campo europeo che in campo mondiale, e ora finalmente possiamo goderci questo gruppo plasmato da Murat Yakin che tanto bene sta facendo in terra tedesca. 

 
 
Sabato, nel quarto di finale, affronteremo la nazionale che, sulla carta, è la più forte nel nostro lato di tabellone, ma che fin qui ha mostrato più crepe che sicurezze: l’Inghilterra. Una nazionale, quella dei Tre Leoni, che ieri si è salvata in pieno recupero contro lo Slovacchia, pareggiando la contesa con Bellingham per poi imporsi al supplementare grazie al colpo di testa di Kane. Una nazionale, quella allenata dal contestato ct Southgate, che sembra lontana parente da quella che era arrivata in finale a Wembley 3 anni fa e che aveva dominato il girone di qualificazione (lo stesso dell’Italia). Un’Inghilterra, insomma, tutt’altro che imbattibile.
 
 
Bisognerà stare attenti alle invenzioni dei due giocatori che ieri sono andati a bersaglio, con un Bellingham in grado di disputare una stagione stratosferica col Real Madrid, la prima in maglia merengues, coronata dalla vittoria nella Liga e in Champions League, e con un Harry Kane che a Monaco di Baviera si è imposto in maniera fragorosa a suon di gol, senza però sollevare al cielo nessun trofeo, neanche quella Bundesliga che ormai sembrava solo una formalità per il Bayern. L’Inghilterra, ovviamente, non è solo Bellingham-Kane, ma può contare anche su Saka (non in gran spolvero fin qui in terra teutonica) e sul genio di Foden, che in ogni caso non riesce a rendere come sotto le indicazioni di Guardiola. Per il resto, fatta eccezione per Stones, la formazione inglese non fa così paura e allora, andiamo a Düsseldorf con tanta voglia, con tanta dedizione, con tanto spirito di sacrificio e con tanta consapevolezza che se giochiamo da Svizzera possiamo davvero andare fino in fondo.

Guarda anche 

A Istanbul servirà una nuova impresa, ma che Lugano!

LUGANO – Il risultato di sicuro non premia il Lugano, anzi lo mette con le spalle al muro e con un piede fuori dalla Champions League, ma quanto visto martedì...
25.07.2024
Sport

Lugano, il titolo non è una chimera

LUGANO - Dopo un mese di Europei – a proposito: grande Spagna! - il calcio torna ai propri cortili. Da sabato scorso è ripreso il massimo campionato svi...
23.07.2024
Sport

Lo Young Boys è favorito ma il Lugano è vicinissimo

LUGANO - Nuovo sondaggio, stavolta sulla Super League e sul Bellinzona. Con i nostri esperti, la maggioranza dei quali non ha dubbi: Young Boys ancora favorito al ti...
22.07.2024
Sport

Un Lugano garibaldino coglie la prima vittoria

LUGANO - Dopo un primo tempo in cui il Lugano ha stentato a trovare il proprio ritmo, i bianconeri hanno dominato il secondo tempo, iniziando la stagione con una vit...
21.07.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto