Sport, 05 febbraio 2024

Il Lugano respira, ma che fatica. Con questo Spacek l’Ambrì può lottare

I bianconeri sono tornati alla vittoria battendo l’Ajoie tra mille difficoltà, i leventinesi tornano da Zurigo con 0 punti ma con alcune certezze

LUGANO – Lo avevamo detto giusto ieri: andare a vincere in casa dell’Ajoie non sarà facile per il Lugano e la partita di ieri lo ha confermato. I bianconeri hanno fatto ritorno da Porrentruy con i 3 punti in cassaforte, ma per ottenere il bottino pieno i ragazzi di Gianinazzi hanno dovuto sudare le proverbiali 7 camice. Certo, con la classifica che si è fatta complicata dopo il KO di Zurigo e quello interno contro il Davos, al Lugano non interessava tanto la prestazione quanto il risultato, ma è chiaro che senza l’errore clamoroso di Ciaccio in occasione dell’1-1 di Arcobello in shorthand la sfida di ieri sera sarebbe diventata ancora più complicata e intricata. 

 
 
Già, perché prima ci aveva pensato Queneville a deviare alle spalle di Koskinen in disco dell’1-0 per i padroni di casa e poi l’ex Romanenghi aveva di nuovo messo in difficoltà i sottocenerini, bravi a non crollare e a piazzare il sorpasso prima con Andersson e poi con Fazzini. Fazzini e Arcobello (autore di una doppietta): non di sola prima linea, per fortuna, vive il Lugano. L’accoppiata svizzera-americana in settimana ha realizzato 4 delle 7 reti messe a segno dai bianconeri, proprio nel momento in cui la prima linea ha perso un po’ di smalto e freschezza… non un caso, possiamo dirlo, visti i tantissimi infortuni e le tante difficoltà nell’allestire quattro linee complete e competitive.
 
 
Dal canto suo, l’Ambrì, non è riuscito a proseguire sull’onda delle ultime vittorie, cedendo al cospetto della corazzata Zurigo, che in ogni caso ha dovuto lottare fino al 60’ per difendere il ghiaccio di casa. Anche perché i leventinesi, dopo un periodo di cronico appannamento, stanno ritrovano uno Spacek in grande spolvero, capace di andare a bersaglio due volte ieri nella trasferta tigurina e pronto a prendere per mano i leventinesi lungo la strada che li deve portare ai play-in, vero obiettivo stagionale.
 
 
La sconfitta di ieri non intacca di una virgola l’ottima settimana disputata dalla truppa di Cereda, capace di vincere le partite che andavano vinte – le due interne contro l’Ajoie e soprattutto il Langnau – e andando vicina a fare lo sgambetto ai Lions, principali favoriti per la vittoria del titolo. Beh, diciamolo, dalle parti della Gottardo Arena si sono vissute settimane peggiori…

Guarda anche 

Vai Svizzera, non ti fermare!

OSTRAVA (Rep. Ceca) – Si è sudato, si è sofferto, abbiamo camminato nervosamente avanti e indietro per casa e qualcuno, c’è da scommetter...
24.05.2024
Sport

Dai Svizzera, c’è di che “vendicarsi”

OSTRAVA (Rep. Ceca) – Ora c’è da fare sul serio. Ora non è ammesso il benché minimo errore. Ora ogni dettaglio conta e ogni sfida diventa...
23.05.2024
Sport

Lugano, sei in Champions! Grazie all’YB…

ZURIGO – Può una sconfitta essere accolta con una festa? Di solito no, ma in questo caso… possiamo fare uno strappo alla regola. Ebbene sì: ier...
21.05.2024
Sport

Fiala fa e disfa, ma la Svizzera è in crescita

PRAGA (Rep. Ceca) – Alla fine la prima sconfitta in questo Mondiale di hockey in corso d’opera a Praga poteva arrivare e, a dirla tutta, meglio che sia arriva...
20.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto