Sport, 10 marzo 2024

L'Ambrì ci prova, il Lugano segna: i bianconeri volano ai playoff

Cinici e sorretti da un ottimo Koskinen, i ragazzi di Gianinazzi imponendosi per 3-1 in casa si assicurano la sfida contro il Friborgo. Per i leventinesi ora l'ostico incrocio col Bienne per l'ultimo posto per la post season che conta

LUGANO - Criticato oltre misura (sui social frasi da censurare), criticato anche mass media, a volte a ragione, Koskinen, il lungagnone portiere finlandese, ha regalato al Lugano i playoff! Con una prestazione maiuscola, sempre attenta e frustrante per avversari, il bravo usbergo bianconero ha permesso alla propria squadra di frenare gl i impulsi e la pressione di un Ambrì Piotta che esce sconfitto dalla mini-serie dei play-in a testa alta: ieri sera, tanto per intenderci, ha messo a lungo in difficoltà i padroni di casa, anche se la mancanza di lucidità sotto porta da parte dei leader ha negato ai biancoblù la gioia della rete e del passaggio di turno.  



Il Lugano, che come gli ospiti ha confermato il line up di gara 1 (terminata 4–4), ha giocato per altro una gara molto accorta e difensivamente valida, come da tempo non si vedeva, ad immagine di un Mirco Müller molto in palla e di un Tennyson che certamente potrà venir buono in questo finale di stagione. A partire dai quarti di finale, nei quali il Lugano se la vedrà contro il Friborgo, rivale ostico ma alla portata. Nella squadra di Luca Gianinazzi si sono messi in evidenza anche quei giocatori che di solito non fanno la differenza. Il marchio della vittoria è comunque finlandese: Alatalo ha segnato la rete iniziale a soli 14 secondi dalla prima sirena, Ruotsalainen ha messo il sigillo sulla vittoria quando la porta HCAP era sguarnita e, come detto, Koskinen è stato il vero protagonista di serata.


Il match è stato molto intenso ma meno spettacolare di quello disputato giovedì alla Gottardo Arena. Difese ermetiche, marcamenti stretti e puntate offensive controllate, con il Lugano a cercare la verve dei propri uomini migliori e i leventinesi a disturbare Koskinen davanti allo slot. Per lunghi tratti, soprattutto nel secondo tempo, la squadra di Cereda ha messo molta pressione, senza tuttavia produrre nulla. Per la bravura del cerbero locale, per imperizia e anche sfortuna. Il Lugano, che in power play ha fatto ancora cilecca, non si è comunque mai disunito e nel terzo finale ha trovato il raddoppio con Carr, dopo un errore difensivo degli ospiti. Ospiti che sono tornati in partita con Bürgler. Poi Ruotsalainen, con Juvonen in panchina, ha trovato il decisivo 3-1 a porta vuota. I biancoblù possono comunque recitare il mea culpa per il pareggio di 48 ore fa: sul 4-0 avevano ormai in mano la sfida. E invece...

Guarda anche 

Lugano, sei in Champions! Grazie all’YB…

ZURIGO – Può una sconfitta essere accolta con una festa? Di solito no, ma in questo caso… possiamo fare uno strappo alla regola. Ebbene sì: ier...
21.05.2024
Sport

“Già ai miei tempi allo stadio ci andavano pochi tifosi”

LUGANO - Willy Gorter (classe 1963) vive in Spagna da alcuni anni: una sorta di buen retiro dopo il periodo vissuto sulle rive del Lago di Lugano (versante ital...
21.05.2024
Sport

Per Mattia Croci Torti ultimi ostacoli da sormontare

LUGANO - Il momento è bianconero: la squadra vola in SuperLeague e fra un paio di settimane disputerà la terza finale consecutiva d...
20.05.2024
Sport

Lugano straripante, ma l’YB ha le mani sul titolo

LUGANO – A ripensare alle sconfitte casalinghe rimediate contro lo Stade Lausanne e contro il San Gallo, al pareggio in casa del Winterthur, ci sarebbe da mangiarsi...
17.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto