Sport, 01 aprile 2024

Dani Alves, altri guai dal Brasile: “Lì ti avrebbero già ucciso”

L’ex terzino, condannato a 4 anni e sei mesi di carcere in primo grado per aver violentato una donna e ora in libertà vigilata, sarà processato per un altro reato

BARCELLONA (Spagna) – I guai per Dani Alves sembrano non finire mai. Dopo essere stato condannato a 4 anni e sei mesi di carcere in primo grado per aver violentato una donna nella discoteca Sutton di Barcellona nel dicembre 2022, e attualmente in libertà vigilata dopo aver lasciato il carcere dopo il pagamento di una cauzione da un milione di euro, ora sarà processato in Brasile perché accusato di aver violato il diritto d’autore, ‘rubando’ la musica di due compositori brasiliani per una canzone uscita nel 202 in occasione di un progetto per l’Onu. 

 
 
Gli avvocati dell’ex terzino brasiliano hanno negato si tratti di plagio, dichiarando che i due cantanti vogliono solo approfittare della notorietà del giocatore per arricchirsi a sue spese.
 
 
Alves si è nel frattempo rintanato nella sua villa nei pressi di Barcellona – dove ha anche festeggiato la libertà e il compleanno del padre con una super festa continuata fino alle 5 del mattino – e ogni giovedì deve recarsi in polizia di persona. In occasione della sua prima uscita da casa è stato aggredito verbalmente da alcuni passanti: “In Brasile ti avrebbero già ucciso”.

Guarda anche 

Dani Alves e il processo per stupro: rischia 12 anni

BARCELLONA (Spagna) – È iniziato il processo per stupro nei confronti di Dani Alves, accusato di violenza sessuale ai danni di una giovane 23enne nel bagno d...
06.02.2024
Sport

Il figlio di Pelé: “Papà sarebbe triste”

BRASILIA (Brasile) – “Pelé sarebbe stato triste per la situazione attuale della nazionale brasiliana”, sono le parole di Edinho ai colleghi di &l...
28.12.2023
Sport

Lui la tradisce, lei gli taglia il pene e lo butta nel wc

ATIBAIA (Brasile) – Per vendicarsi del marito traditore, una brasiliana di 34 anni ha tagliato il pene al marito, nella città brasiliana di Atibaia, e poi ha...
28.12.2023
Magazine

Mineirazo, una pagina nera del futebol brasileiro

LUGANO - Quel giorno, l’8 luglio del 2014, eravamo comodamente seduti in poltrona nel nostro buen retiro carioca. Non avevamo il pass per l’attesa semifi...
04.12.2023
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto