Svizzera, 07 giugno 2024

Una madre si difende dall'accusa di aver ucciso la figlia di 8 anni

Una madre ha ucciso freddamente la sua figlia di otto anni perché non accettava più di doverla crescere da sola? È questa la domanda a cui dovrà rispondere il tribunale cantonale di Berna. La diretta interessata continua a proclamare la sua innocenza: “Non avrei mai potuto toccare mia figlia. La amavo", ha detto singhiozzando durante l'udienza. L'imputata, 32 anni, è sospettata di aver portato sua figlio il 1° febbraio 2022 in un bosco a Köniz (BE), situato a poche centinaia di metri dalla loro abitazione, per compiere il gesto disperato.

Il Ministero pubblico ha elencato 16 indizi che dovrebbero dimostrare la colpevolezza dell'imputata. Tra questi, il fatto che sono state rinvenute tracce del Dna della madre, sulla pietra che ha colpito mortalmente il cranio della bambina. Un testimone di 12 anni ha anche detto di aver visto la madre e la figlia due volte vicino alla scena del crimine poco prima della tragedia. Ma quale sarebbe il motivo di questo infanticidio? La bambina avrebbe costituito un ostacolo alla libertà della madre, secondo l'accusa, che chiede l'ergastolo.



La difesa ha tentato di smontare punto per punto le argomentazioni e le prove addotte e chiede l'assoluzione della donna. L'avvocato ha sottolineato le incongruenze e le inesattezze della testimonianza principale, ritenendo che il bambino di 12 anni, avendo “un bisogno di riconoscimento molto accentuato”, sarebbe stato prima influenzato dai media prima di raccontare la sua storia alla polizia.

Le indagini sarebbero inoltre state compromesse anche perché non sono state sufficientemente esplorate le tracce di un altro testimone che aveva visto un uomo nei pressi del bosco. Per quanto riguarda la pietra del delitto, sulla sospettata non sono stati rinvenuti schizzi di sangue, ha sottolineato l'avvocato. Era anche possibile che venisse ritrovato il DNA della madre. I fatti, infatti, si sono svolti in una piccola capanna fatta di rami che la madre e la bambina avevano realizzato diversi giorni prima della tragedia. L'imputata avrebbe quindi potuto benissimo aver toccato l'arma del delitto senza averla usata per compiere l'omicidio. La sentenza è attesa per il 13 giugno.

Guarda anche 

Una ricchissima famiglia indiana pesantemente condannata dalla giustizia ginevrina

Il Tribunale penale di Ginevra ha condannato venerdì a 4 anni e mezzo e 4 anni di reclusione i membri della ricca famiglia indiana degli Hinduja per usura professi...
22.06.2024
Svizzera

Un pallone da calcio finito in un giardino finisce in tribunale

Un tribunale turgoviese si è dovuto chinare su una vicenda iniziata con... una palla caduta in un giardino. Lo scorso settembre, un bambino di 7 anni stava giocand...
21.06.2024
Svizzera

L'accoltellamento di un automobilista gli costa 9 anni di carcere e l'espulsione

Il 28 marzo 2023 un cittadino turco allora 34enne guidava la sua Mercedes in compagnia della moglie nel centro di Zurigo. All'improvviso c'è stato uno scon...
19.06.2024
Svizzera

Usa, scagionata dopo 43 anni passati ingiustamente in carcere

“Sandy” è in prigione da 43 anni per una condanna di omicidio. Ma dopo diversi giorni di udienze, venerdì scorso il giudice distrettuale della c...
18.06.2024
Mondo

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto