Sport, 09 luglio 2024

Tentato ricatto alla famiglia Schumacher: rilasciato uno dei sospettati

Il 30enne ha pagato una cauzione di 10'000 euro: è accusato di favoreggiamento

WUPPERTAL (Germania) – È di nuovo in libertà uno dei tre sospettati del tentato ricatto ai danni della famiglia di Michael Schumacher. Il motivo è il nuovo stato delle indagini, ha dichiarato il pubblico ministero Wolf-Tilman Baumert, come riportato dalla ‘Frankfuerter Allgemein Zeitung’. Il 30enne è stato rilasciato dalla custodia dopo aver pagato una cauzione di 10'000 euro. L’uomo ha dovuto consegnare il passaporto: “Lo accusiamo solo di favoreggiamento, probabilmente non è l’ideatore del crimine”, ha detto Baumert. 

 
 
La scorsa settimana la procura di Wuppertal aveva reso noto che la polizia aveva arrestato una persona sospettata di essere dietro il tentativo di estorsione. Si tratta di un 52enne che lavorava come addetto alla sicurezza per la famiglia Schumacher: l’uomo è stato arrestato giovedì come nuovo principale sospettato.
 
 
Gli investigatori avevano anche arrestato due dei presunti ricattatori, padre e figlio. Stando alle accuse, avrebbero chiesto 15 milioni di Euro per non pubblicare ‘dati sensibili’ sul darknet e come prova avrebbero inviato alcuni file alla famiglia.

Guarda anche 

Ricattavano la famiglia Schumacher con le foto dell’incidente sulle nevi: arrestati padre e figlio

WUPPERTAL (Germania) – L’ultimo tentativo di ricatto nei confronti della famiglia di Michael Schumacher avrebbe riguardato la minaccia della pubblicazione del...
05.07.2024
Sport

La foto shock: si fa un selfie con l’incidente mortale alle spalle

PIACENZA (Italia) – Nella tarda mattinata dell’11 aprile i soccorritori sono giunti nel centro di Piacenza per intervenire sul luogo di un incidente, dopo che...
16.04.2024
Magazine

"Grottesca montatura politico-mediatica"

LUGANO - La Lega dei Ticinesi deplora l’ennesima, grottesca montatura politico-mediatica a proposito dell’incidente occorso al Consigliere di Stato Norma...
26.03.2024
Ticino

Gravi accuse all'esercito dopo la morte di un motociclista, “le reclute non dormono abbastanza”

Mercoledì durante un'esercitazione delle scuole di circolazione e trasporti 47 nei pressi di Buochs ​​(NW) sulla A2 una recluta di 19 anni è morta d...
24.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto